questo sito è fatto con 

Realizza il tuo sito a partire da 300 €

www.joomlawebmaster.it 

Orchestre

 


JULIO DE CARO

Formò la sua orchestra nel 1924 con due sue fratelli (Emilio e Francisco) e altri tre musicisti. Nel 1930 arrivò il successo che contribuì a portare il tango nei locali del centro e nei programmi della radio. Il suo talento eccezzionale come compositore e violinista lo portarono a occupare un posto rilevante nella storia del tango. Caratterizziò una intera epoca e uno stile con il suo sestetto. Famoso come lui era il suo "violin-corneta" un violino che al posto della cassa armonica aveva un piccolo corno, la sua particolare sonorità unita alla eccezionale maestria dell'esecutore, creavano atmosfere uniche.  Tra le sue composizioni: "Arolas", "Fresedo", "Guardia vieja", "Anibal Troilo", "Muchachada de Ley", "La rayuela", e molte altre.

 
 

 FRANCISCO CANARO

Nato in Uruguay nel 1988 Francisco Canaro è uno dei più importanti musicisti del tango. A partire dal 1920 concepisce e realizza diverse formazioni orchestrali  che egli stesso promuove non solo in sudamerica. La diffusione del tango nel mondo si fa coincidere con la data del 1925 quando Francisco Canaro si trova a Parigi suonando il tango vestito da gaucho. A partire dal 1940 il suo stile salon si affermò in modo inarestabile e ancora oggi rimane fra i preferiti dai ballerini. La sua musica rimane fondamentalmente legata alla tradizione, ritmo scandito e armonie semplici e marcate. Canaro compose più di seicento opere tra le quali si distaccano i tanghi "Sentimiento Gaucho, "El copete", "El pollito", "Cara sucia", "La tablada", "La brisa".

  

JUAN D'ARIENZO

Nasce nel 1900 e inizia lo studio dle violino molto giovane. Con le sue prime orchestre eseguì uno stile più o meno classico per poi evolvere nelle formazioni successive verso quella modalità sonora che caratterizzerà così fortemente la sua musica. Il salto si realizzò nel 1945 con l'ingresso in formazione del pianista Rodolfo Biagi che fornì con il suo tocco dinamico un contributo essenziale alla creazione del ritmo desiderato da D'Arienzo. Con gli anni D'Arienzo si guadagnerà la fama di "Rey del Compàs" portando il suo particolare suono ritmato e senza pause ai tangueros di tutto il mondo. Juan D'Arienzo morì nel 1976 lasciandoci, come autore, le seguenti composizioni: "Chirusa", "Milonga brava", "Paciencia", "Ya lo ves", "Apache", e molte altre

  

ANIBAL TROILO

Nato nel 1914 e morto nel 1975, Troilo è stato ricomosciuto in tutta la sua carriera come un virtuso del bandoneon e compositore eccezionale. Ebbe innumerevoli collaborazioni con importanti musicisti e orchestre lasciando registrazioni memorabili, a partire dl 1937 si esibisce con una sua orchestra nella quale passano i più famosi cantanti degli anni 40, 50 e 60 : Rivero, Goyneche, Marino e altri. "Pichuco" fu anche un autore geniale che ci ha lasciato opere fondamentali nella storia del tango: "Che bandoneòn", "Responso", "Garùa", "Pa'que bailen los muchachos", "Maria", "Barrio de Tango", "Milonga triste", "Discepolin", "Romance de Barrio", "Toda mi vida", "Sur". Stretta fu la collaborazione col poeta Homero Manzi, autore dei versi delle sue canzoni.

  

OSVALDO PUGLIESE

Nato nel 1905 e morto nel 1995 a Buenos Aires. Ebbe un lungo periodo di collaborazione con diverse orchestre prima di formare la propria all'inizio degli anni '40. Con la sua orchestra fece tornèe in tutto il mondo, specialmente in Giappone dove conobbe un successo enorme ma anche negli Stati Uniti e in vari Paesi europei. Oltre a essere un geniale compositore Pugliese brillò anche come pianista e direttore d'orchestra. Pugliese evolve la struttura ritmica del tango adattandola ai vari momenti dell'esecuzione, si passa da momenti lentissimi a fasi esplosive, e al contrario dei suoi contemporanei introduce un coraggioso uso delle pause lasciando in sospeso il flusso sonoro fino a una nuova potente ripresa di tutta l'orchestra. Particolare anche l'uso del violino solo, sinuoso e struggente. Il suo stile innovativo fu di ispirazione per Astor Piazzolla. Fra le sue composizioni più famose "Recuerdo", "La yumba", "Negracha", "La Beba", "Para Eduardo Arolas", "Juventud", "Cardo y Malvòn", "El Encopao", "Gauchita".